Inchiostri originali per stampa digitale SI oppure NO?

In questi anni ho assistito a una sempre maggiore escalation di proposte da parte di fornitori di cartucce compatibili (non originali) per i nostri plotter installatati in azienda.

12

Nel 2009 a furia di ricevere pressioni da parte di un nostro fornitore di fiducia, ho accettato di provare un set di cartucce compatibili per la (ex) ROLAND SP 540 V, facendomi garantire che in caso di malfunzionamenti e rotture dovute all’inchiostro, l’eventuale danno sarebbe stato coperto dalla ditta fornitrice.

Dopo il primo set di cartucce e successivo incontro con il fornitore, ho constatato che tutto funzionava correttamente  e ho accettato di ordinare altre cartucce (questa volta a pagamento). Gli ordini si fanno, via via, sempre regolari, fino a che un giorno il plotter di stampa grande formato cessa di funzionare, dalla testa il MAGENTA e il GIALLO non scrivono più. Sembra che si sia creato un tappo che abbia bloccato lo scorrere dell’inchiostro verso la testa della macchina.

 

Chiamata l’assistenza tecnica della ROLAND e dopo aver subito un danno da 450 euro scopriamo che l’inchiostro è troppo aggressivo e che tende a otturare le teste e a intasare le pompe.

1) Al primo giro (almeno 2 cartucce per testa) sembra che tutto funzioni correttamente. Questo è un errore comune perchè per rendersi conto che una marca di ricambi sia davvero efficiente si deve aspettare almeno un 2/3 ricariche per testa. Infatti, bisogna che l’inchiostro nuovo prenda COMPLETAMENTE il posto del vecchio.

2) Provare l’inchiostro compatibile solo dal nostro fornitore di fiducia. Fortunamente in questo caso il nostro fornitore ha provveduto a ripagare tutto il danno, ma cosa sarebbe successo se ci fossimo rivolti a un ciarlatano?!?!?!

Questa bruttissima esperienza mi ha tenuto alla larga dal mondo dei compatibile e tutti i vari rappresentanti che hanno bussato alla mia porta tendando di conquistarmi con offerte di cartucce alla metà del prezzo hanno sempre ricevuto un bel 2 di picche.

seiko

Ad oggi però, dopo aver sentito parlare conoscenti/concorrenti delle cartucce di stampa digitale compatibile diventate affidabili, ho voluto far di nuovo una prova con un fornitore che da circa un anno mi faceva il filo per la nostra ROLAND VS 640 da 137 stampa e taglio. Anche in questo caso ho stipulato un contratto di garanzia sulle teste e ho provato gli inchiostri un pò titubante e spaventato visto la brutta esperienza. Dopo una visita del suo tecnico e un test sulle teste ho cominciato a ordinare le cartucce.

Devo dire che in questo caso dopo 1 anno di utilizzo problemi ZERO. Consumi pari agli originali, Colori affidabili e profilazione dei colori paritarie alle originali.

Ho, inoltre, stipulato un contratto di assistenza con il loro tecnico per 2 visite annuali e a oggi posso dire di essere totalmente soddisfatto.

Penso che le case produttrici di inchiostro compatibile abbiano fatto dei passi in avanti e credo che continuerò a ordinare inchiostro compatibile anche per le altre macchine se ci sarà bisogno, mantenendo queste fondamentali regole:

  1. La macchina deve avere almeno 4 anni (in modo da essere fuori garanzia e completamente ammortizzata)
  2. Garanzia sulle teste sottoscritta direttamente dal venditore.
  3. Prova di 3 set di cartucce prima di etichettarle come affidabili.